fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
Incontro dei formatori 2013
Incontro dei formatori 2013 Stampa

alt

 

Il secondo incontro internazionale dei Formatori e Promotori vocazionali convocato dal 1 ottobre al 4. Oblati provenienti da Asia, Africa, Europa e Nord e Sud America riuniti a Milton, Massachusetts, al fine di considerare la Formazione e promozione vocazionale. L'incontro è iniziato, provvidenzialmente, il 1 ottobre, la festa della patrona delle missioni, santa Therese di Lisieux.

 

I membri della delegazione canadese (così come i loro confratelli canadesi che lavorano all'estero) hanno portato alla celebrazione in francese, la lingua di Therese stessa. La bellezza della lingua, così come una citazione di una poesia dal titolo "Perché Ti amo, Maria,” scritto da Therese di Lisieux (e recitato da P. Guy Simard, il predicatore del giorno) sembravano portare lo spirito di Therese al raduno. Gli argomenti di discussione durante l'incontro sono stati elaborati principalmente da tre fonti: la prima, una lettera scritta da P. Louis Normandin che conteneva gli elementi fondamentali, emersi dal primo incontro internazionale svoltosi nel 2012. Argomenti come:

 

• l'uso (e l'abuso) dei social media nella formazione,

• l'importanza della formazione dei formatori

• la necessità di riflettere sulla formazione e la promozione dei Fratelli Religiosi (Coadiutori)

• il successo e le sfide della Giornata Mondiale della Gioventù 2013 (GMG) in Brasile

• la possibilità di una promozione vocazionale del "Nord America” (USA e Canada)

• una discussione sui benefici di avere un promotore vocazionale a tempo pieno.

• L'importanza di creare una "opportunità internazionale" durante gli anni di formazione.

La seconda fonte è stata una riflessione scritta dal Rettor Maggiore, che, anche se impossibilitato a partecipare, ha contribuito condividendo i suoi "desiderata". Nella sua lettera, Sergio suggeriva punti vari per il dialogo che aiutano a perfezionare e aggiungere precisione alle presentazioni. Tra i suoi suggerimenti per la discussione, ha offerto le linee guida per l'analisi della Ratio Instituionis, e, forse ancora più importante, ha chiesto che le province e delegazioni di tutto il mondo diano attenta considerazione alla creazione di "Direttori di Formazione" che affronti, ad un livello locale, l'applicazione pratica della Ratio.

L'ultima fonte della riunione è stata la Ratio Institutionis stessa. P. Patrice Veraquin ha creato uno schema per la discussione del documento. La discussione ha dimostrato di essere una rampa di lancio per la creazione dei direttori di formazione raccomandati dal Rettor Maggiore. La maggior parte dei quattro giorni della riunione è stata animata dalla discussione di gruppo. Mercoledì, però, c’è stata un’ eccezione. Mercoledì pomeriggio, infatti, abbiamo avuto la fortuna di avere la possibilità di ascoltare un interessantissimo intervento del nostro confratello, P. Dan Barron che ha offerto un riassunto del Direttorio di Formazione per l'Arcidiocesi di Denver che ha scritto insieme con la Signora Chris Lynch. Nelle sue tre ore di presentazione p. Dan ha dimostrato come la formazione spirituale è il centro dei quattro pilastri della formazione (pastorale, umana, intellettuale, e spirituale) e che, senza formazione spirituale come elemento centrale, l'intera struttura della formazione seminaristica crolla. Come di solito negli incontri internazionali, la fraternità è sempre il punto fondamentale di tutto il raduno. Le riunioni sono sempre piene di duro lavoro, ore di discussione, e domande complesse... Ma non c'è niente che rende l'onere di questi incontri più facile da sopportare che la gioia della fraternità, specialmente la gioia che nasce dal rivedere i fratelli che vivono lontano per mari e oceani. L’ incontro si è concluso meravigliosamente così come era iniziato. La messa di San Francesco d'Assisi ha ricordato a noi tutti le nostre radici italiane ed è stata il fondamento per una preghiera sincera e profonda per far sì che la nostra Congregazione possa contribuire a "costruire la Chiesa di Cristo" e per essere tutti "canali di pace."