fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
fuga mobilya
Il carisma apostolico


Designed by:
SiteGround web hosting Joomla Templates

Il carisma apostolico Stampa E-mail

Esercizi spirituali

Diversi Oblati, sempre sensibili ai segni dei tempi ed alle situazioni delle diverse chiese locali, si sentono chiamati dallo Spirito a dedicarsi all'apostolato degli Esercizi spirituali propriamente detti. Si sentono entusiasmati come il Lanteri di questo lavoro della Parola e della Riconciliazione, secondo la dinamica spirituale degli Esercizi ignaziani. Li danno sia in case di esercizi, sia personalmente guidati, sia, infine, nella forma di missioni parrocchiali, adattandoli opportunamente alle necessità di chi li fa. In quanto possibile poi, la Congregazione apre le sue case a sacerdoti e laici che vengono per fare i loro Esercizi, guidandoli nella loro esperienza spirituale.

Formazione del clero

Fedeli al Lanteri e alla tradizione della Congregazione, la Congregazione promuove la specializzazione di quegli Oblati che sentono particolarmente la chiamata a lavorare nella formazione del clero, convinti del gran bene che operano nella Chiesa contribuendo ad una migliore formazione dei suoi ministri ordinati per mezzo dell'insegnamento, la direzione spirituale, ecc. Si preparano quindi nel dovuto modo, e si mettono al lavoro nella formazione guidata dei futuri sacerdoti nei seminari, come anche nella formazione permanente del clero dopo l'ordinazione sacerdotale, mettendosi al servizio dei vescovi a tale scopo, per aiutare a guidare programmi opportuni di natura formativa.

Divulgazione della verità contro gli errori correnti

Gli Oblati, eredi dello spirito del Lanteri, sono sensibili al gran bene che si può operare entrando nel vivo della società e della Chiesa, dove si presentano le varie correnti di pensiero sulle quali le persone si orientano nella loro vita, per sostenere e divulgare il patrimonio della Rivelazione come viene insegnato dal magistero della Chiesa. Essi sono uomini che s’impegnano a conoscere profondamente i propri tempi e le tendenze della propria cultura, ne sanno individuare pregi e limiti e si dedicano a sostenere la verità con mezzi adeguati.

Stampa/strumenti di comunicazione sociale

Come già il Lanteri nel suo contesto culturale, gli Oblati sono convinti del potere che hanno i mezzi di comunicazione sociale di influire sull'orientamento delle persone nella loro vita, e quindi dell'importanza di entrare nel mondo della comunicazione per diffondere la dottrina della Chiesa. Perciò l'Oblato cerca di fare quanto può per utilizzare tutti questi mezzi per raggiungere tutti nella società con il messaggio di Cristo.

L'apostolato missionario

La Congregazione vede questo apostolato come una parte rilevante della propria attività apostolica, ricordando il proprio passato nella missione di Birmania e sensibile alle necessità della Chiesa. Essa s'impegna a contribuire "con tutti i mezzi a sua disposizione, alla diffusione della fede e alla "plantatio ecclesiae", e "favorisce attività strettamente missionarie e di cooperazione.

Formazione del laicato

Il Lanteri nelle Amicizie svolse un intenso lavoro pastorale insieme ai laici. L'Oblato è caratterizzato da una stima particolare della dignità dei laici e dà attenzione particolare alla collaborazione con loro, come corresponsabili nel lavoro apostolico.Tale disponibilità è una qualità di ogni Oblato, qualunque siano le circostanze specifiche della sua attività apostolica. In questo modo ogni comunità locale degli Oblati diventa un centro di animazione dei laici della zona. In questa linea dell'animazione del laicato si prospetta pure l'associarsi di laici alla Congregazione, per appoggiare anche i suoi impegni di evangelizzazione.

L'Oblato cerca di contribuire in diversi modi alla formazione dei laici, una formazione insieme spirituale ed apostolica. Così gli Oblati formano i laici perché animino evangelicamente le realtà terrene. Un modo per attuare concretamente questo proposito si trova nello sforzo di creare, in quanto possibile, gruppi di laici nei quali si rinnovi lo stile seguito dal Lanteri nelle Amicizie, e più precisamente l'Amicizia cristiana, dove clero e laici lavoravano insieme. In essa si dava una formazione spirituale ed apostolica (incentrata sull'apostolato del libro) e si coinvolgevano i laici nell'azione apostolica, creando dei "leaders" tra i laici, capaci di operare apostolicamente in prima persona, e offrendo così all'Oblato di oggi un modello di animazione del laicato, da rinnovare secondo le circostanze attuali. Le comunità locali degli Oblati diventano nuclei che fanno nascere e crescere tali gruppi.

Parrocchie

La Congregazione accetta la cura di parrocchie per rendere un servizio alle chiese locali, perché vede in esse dei centri di animazione apostolica, e perché trova in esse uno dei modi per vivere la vocazione lanteriana.

Collegi

Gli Oblati si dedicano anche al lavoro in questo campo, "avendo la Congregazione assunto ed esercitato, nel suo evolversi, varie forme di pastorale giovanile". Quanti s'impegnano in questa pastorale hanno di mira soprattutto la "formazione cristiana della gioventù" e quindi "un'animazione evangelica delle realtà terrene".

Pensionati

E' un apostolato che si muove in una linea simile a quello dei collegi, una pastorale di accoglienza e di assistenza sacerdotale ai giovani universitari che vengono ospitati in pensionati gestiti dagli Oblati. In tal modo si influisce in senso cristiano sulla vita degli universitari, contribuendo alla loro formazione spirituale, cercando di contribuire così alla formazione di futuri docenti e "leaders" nella società. E' un'opera, "che rientra nell'ottica pastorale del Fondatore, il quale si è preoccupato ed ha lavorato moltissimo per l'assistenza e la formazione degli studenti universitari".

 

 

Area riservata